• slider-img1

16/09/2013

Istanbul SBK. Secondo posto per Melandri.

Il miglior risultato della giornata è il buon secondo posto ottenuto da Melandri in gara 1 che partito dalla terza fila con il settimo tempo, ha fatto un pò fatica a rimontare. E' andata un pò peggio in gara 2 dove le modifiche alla moto non gli hanno consentito di migliorare e Marco ha ottenuto un 4° posto che non lo soddisfa pienamente. Un weekend purtroppo negativo per gli altri piloti: Checa, Camier e Neukirchner non hanno partecipato per le conseguenze delle cadute del primo turno di prove (frattura dello scafoide per Carlos, diverse fratture al piede per Camier e alla mano per Neukirchner). Badovini anche lui caduto venerdì mattina non ha più partecipato alle prove per la forte distorsione alla caviglia, ci ha provato in gara 1 ma si è dovuto ritirare per un problema alla moto. Non ha preso parte a gara 2. Decimo posto per Fabrizio in entrambe le gare in difficoltà di ambientamento con la sua nuova moto la Honda del Team Pata.
Perde purtroppo una posizione Melandri in campionato dove adesso è quarto a 33 punti dalla vetta.
Prossima gara a Laguna seca il 29/9. Un augurio a tutti inostri piloti infortunati di poter tornare presto in pista.
A Misano Adriatico, Karel Hanika, nonostante un ritiro per problema tecnico, si è laureato Campione 2013 della Red Bull MotoGP Rookies Cup. Vince la gara Pagliani su Manzi, (x-lite X-802R) quarto Bastianini (X-lite X-802R).

Marco Melandri, Nolan X-802R.
“In Gara 1 ho perso molto tempo nei primi giri. Purtroppo, con le gomme nuove, la nostra moto é nervosa e sul rettilineo, durante il primo giro, ho dovuto chiudere un po‘ il gas perché la moto si muoveva troppo. Dopo dieci giri la moto era più leggera, perché aveva meno benzina, ed è diventata più facile da guidare. A quel punto ero abbastanza veloce e ho raggiunto il gruppo dei primi. Quando ho passato Tom, Eugene era già troppo lontano e per me il secondo posto era un ottimo risultato.
 Dopo Gara 1 abbiamo fatto alcune modifiche al set up ma, probabilmente per il caldo, il grip è calato. Abbiamo tentato di stabilizzare la moto lavorando sul posteriore ma è andata peggio. Ho iniziato a far fatica con l’anteriore: non riuscivo ad avere la stessa velocità in inserimento di curva e ho avuto qualche difficoltà in frenata. Alla fine il risultato di Gara 2 non è stato lo stesso. Mancano tre gare alla fine e, anche se non sarà facile, io continuo a crederci. Voglio lottare e fare il massimo in ogni gara”.

Michel Fabrizio, X-lite X-802R.
 "Non è stato un weekend facile, ma è stato molto importante per me finire entrambe le gare per scoprire quanto più possibile su la moto e come funziona. Per me, quella era una positiva e mi è piaciuto molto guidare la moto per la prima volta qui. E 'stata una grande esperienza lavorare con la squadra e penso che abbiamo fatto qualche progresso, ma forse non tanto quanto volevamo. Non vedo l'ora di guidare di nuovo a Laguna Seca, dove spero che potremo essere più vicini ali primi."

Ayrton Badovini, X-lite X-802R.
“Peccato per lo stop, oggi avevamo l’occasione per fare dei giri di pista per imparare questo tracciato, in vista dell’anno prossimo. Sarebbe già stata un’impresa concludere la prima manche, viste le mie condizioni fisiche, ma ho voluto provare ugualmente. Avevo anche qualche problema di grip perche’ avendo partecipato ad una sola sessione di prove, non abbiamo avuto il tempo per identificare il miglior set-up per la nostra moto su questa pista. Purtroppo un weekend da dimenticare.”

  • logo1
  • logo2
  • logo3
  • logo4