25/04/2016

JEREZ MotoGP: Gare complicate per i nostri piloti.

In Moto3 il nostro miglior pilota è stato Kornfeil, quinto, sempre più sicuro e a suo agio in questa difficile categoria. Purtroppo Bastianini non è riuscito a fare meglio di un ottavo posto in un Weekend dove non si è mai trovato a suo agio con il setting della sua moto. Anche in Moto2 non è andata meglio, Kent è caduto mentre Syahrin ha raccolto solo un undicesimo posto. In MotoGp, in attesa del rientro del nostro Petrucci, Bradl in costante miglioramento conquista un quattordicesimo posto mentre Pirro è sedicesimo.

Prossima gara a Le Mans tra quindici giorni, mentre l’appuntamento è per il prossimo wweknd a Imola per il GP d’Italia della SBK. 


JAKUB KORNFEIL - 5TH

“Sono veramente contento del quinto posto di oggi. Volevo vincere la battaglia del mio gruppo e ci sono riuscito. Quando ho visto Binder prendere la testa del gruppo sapevo che sarebbe stato il più veloce e sarebbe andato via ed è esattamente ciò che ha fatto; sfortunatamente in quel momento non ero così vicino a lui per fare lo stesso così mi sono concentrato per fare il meglio che potevo. Eravamo in dieci a battagliare per il quinto posto e all’inizio era un continuo scambio di posizioni così ho così ho pensato di rimanere calmo per aspettare gli ultimi quattro o cinque giri studiando come batterli e poi fare le mie mosse. In Moto3 quanto sorpassi qualcuno sai che può ripassarti immediatamente così meglio stare calmi, concentrarsi e osservare i punti di forza e debolezza degli avversari; in un paio di giri dalla fine li ho superati tutti ed è stato importante per il Campionato.”


ENEA BASTIANINI - 8th

“Purtroppo anche oggi ho avvertito sensazioni simili a quelle avute nelle gare precedenti: faticavo in ingresso curva e non riuscivo ad essere efficace neanche in accelerazione. Gli altri piloti riuscivano a superarmi nelle staccate più forti e ho avuto sempre qualche difficoltà, soprattutto nella prima parte di gara, ma anche nel finale. Purtroppo oggi non sono riuscito a raccogliere di più: dispiace fare gare così perché sappiamo di avere un buon potenziale. La moto può andare forte e so di poter essere veloce, però dovremo cercare di capire come risolvere questi problemi”.


STEFAN BRADL - 14th

“Il risultato finale è positivo. Abbiamo lavorato tanto sul setting per trovare feeling con la gomma posteriore, è stato un fine settimana piuttosto impegnativo in termini di grip. Abbiamo anche provato uno step ulteriore nel warm-up, dal quale non ho avuto benefici, quindi nonostante fossimo tornati alla soluzione precedente sono partito per la gara con qualche dubbio. Sono scattato meglio rispetto alle ultime gare e nei primi giri mi sentivo bene, poi ho avvertito un calo nella gomma anteriore che mi ha imposto di rallentare. Giro dopo giro ho trovato il mio ritmo e sono riuscito anche a riprendere gli avversari, sorpassando Hernandez alla fine guadagnando qualche punto”.


MICHELE PIRRO - 16th

Sono davvero triste e dispiaciuto. In Argentina e anche in Texas abbiamo dimostrato di essere competitivi. Poi arriviamo a Jerez dove abbiamo lavorato molto nei test con queste gomme e niente sembra poter funzionare. E’ frustrante perché nello scorso anno mi sono impegnato molto insieme a tutto il test team di Ducati. Abbiamo provato tanto, anche a Natale e ad Agosto. Le cose andate molto bene e tutto questo lavoro è stato cancellato con questa gara. In questo week end ho avuto la sensazione di non poter far niente per migliorare. Abbiamo provato tante cose ma è come se tutto fosse cambiato. Penso che ci sia molto da riflettere.


DANNY KENT – NC

“Un altro brutto weekend. In quattro su cinque del Team Leopard siamo caduti. Mi scuso tantissimo con la squadra, non è sicuramente quello che vogliamo. Di positivo è che siamo riusciti a fare qualche passo in avanti in alcune aree. Ho una settimana e mezzo per tornare a casa, lavorare duramente sul mio fisico per tornare a Le Mans nel massimo della forma possibile. Non siamo molto distanti sono solo piccole cose che dobbiamo migliorare. In Moto2 quando tutto è così vicino basta 0.3s di ritardo per essere fuori dalla top ten.”


  • logo1
  • logo2
  • logo3
  • logo4