• slider-img1

07/10/2013

Magny Cours SBK: Melandri 5°, a Barrier il titolo del Superstock 1000 e a Guarnoni la vittoria.

Le soddisfazioni di questo weekend arrivano tutte dalla Superstock 1000 dove a vincere è Jeremy Guarnoni (X-lite X-802R) davanti a Niccolò Canepa (Nolan X-802R), mentre il titolo lo conquista per il secondo anno consecutivo Sylvain Barrier (X-lite X-802R) giunto quarto nella gara portando a 45 i titoli mondiali del Gruppo Nolan.
Nelle due gare di Superbike nonostante l'impegno, il risultato non ha soddisfatto Melandri, 5° in gara 1 e 7° (per una uscita di pista) in gara 2 alle prese con problemi di setting. Badovini  nono e decimo nelle due gare mentre Fabrizio 7° in gara uno, non ha concluso gara 2 per un problema alla moto. Da segnalare Salom due volte undicesimo, Sandi 12° e 13° e Aitchison 12° in gara 2.
Melandri mantiene il quarto posto in campionato mentre la prossima e ultima gara sarà a Jerez il 20 ottobre.

Sylvain Barrier, X-lite X-802R.
“È stata una stagione fantastica. Sono davvero contento di aver lavorato con BMW e con la nuova BMW HP4. Mi è piaciuto lottare con Canepa tutto l’anno, perché è stato sempre molto consistente. Inoltre è fantastico aver vinto il titolo, ancora una volta, qui a Magny-Cours. Infine voglio ringraziare James Toseland che mi ha supportato negli ultimi tre anni. È stata una buona gara, la prima partenza è stata davvero buona senza nessun problema, avrei voluto andasse avanti. La seconda partenza non è stata così buona, così ho preferito guidare con attenzione cercando di non fare errori perché sapevo cosa dovevo fare per vincere. Grazie a BMW per avermi dato fiducia, vedremo cosa succederà l’anno prossimo”.

Marco Melandri, Nolan X-802R.
“In Gara 1 ho faticato con il setting e non ero affatto veloce, il risultato mostra il potenziale che avevo. Prima di Gara 2 abbiamo deciso di fare un passo indietro e cambiare il set-up della moto, così sono riuscito ad essere più consistente e, senza problemi, avrei potuto lottare per il podio. Posso dire di essermi divertito molto di più in Gara 2, rispetto a Gara 1, perché ero veloce e ho sorpassato molti piloti per rimontare dalla posizione in cui ero scivolato. Voglio comunque ringraziare la mia squadra per l’ottimo lavoro fatto durante tutto il weekend. La prossima gara è a Jerez, il nostro test track. Lo consociamo molto bene così partiremo da una buona base e, credo, avremo la possibilità di essere sul podio”.

Ayrton Badovini, X-lite X-802R
 “Nella seconda manche faticavo fisicamente, il fatto che non posso ancora allenarmi come vorrei mi condiziona in gara. La prima l’ho gestita un po’ meglio ma non sono riuscito a tenere un passo sufficiente nella seconda. Speravo di poter fare qualcosa in più, anche perché la posizione in griglia non era male. Adesso ci concentriamo sull’ultimo evento di Jerez – vorrei chiudere la stagione con un buon risultato.”

Michel Fabrizio, X-lite X-802R
"Ci sono stati alcuni aspetti positivi in questo weekend e sono stato in grado di capire un po' di più le caratteristiche del freno motore della CBR. Ero felice con la seconda fila dopo le qualifiche di ieri e la prima gara non era così male, anche se ho trovato difficoltà a girare la moto quando il livello di grip è sceso. Gara due è stata deludente ma non sappiamo ancora cosa sia successo per far ammutolire la mia moto."

  • logo1
  • logo2
  • logo3
  • logo4