26/09/2016

MOTOGP ARAGON: CONFERME, PROMESSE E QUALCHE PICCOLA DELUSIONE PER I PILOTA NOLANGROUP

Il deserto di Aragon si rivela un po' arido per i piloti Nolan Group il cui impegno non è premiato dalla fortuna.

Ci sono però conferme e promesse che fanno ben sperare per il futuro.

In spagna brilla ancora Bastianini, ormai protagonista, e si confermano combattivi Syahrin e Petrucci, purtroppo sfortunato.

Torna alla ribalta Bradl, finalmente in top ten con la sua Aprilia, un risultato che premia sforzi e attese.

In Nolan siamo fatti così: lavoriamo duro e non ci arrendiamo mai.

Lo facciamo dal 1972... dovremmo arrenderci ora? Vi aspettiamo in Giappone, per la prima delle 3 gare  di Ottobre.

Appassionatevi con noi per i nostri ragazzi!


Moto3

Enea Bastianini 3°

“Nei primi giri della gara mi sono ritrovato in testa assieme a Navarro e abbiamo spinto tantissimo nel tentativo di allungare sugli altri piloti. Dal maxischermo ho notato che stavamo prendendo un po’ di margine così l’ho seguito senza disturbarlo, lasciandogli fare il suo ritmo. Binder e altri piloti però sono riusciti a riportarsi sotto, così a quel punto ho deciso di rilassarmi e di preservare le gomme, cercando comunque di rimanere sempre nelle prime tre posizioni dato che nel frattempo altri piloti si erano aggiunti al gruppo di testa e non volevo rischiare di arretrare troppo. Sapevo che Binder era molto veloce sul lungo rettilineo prima dell’ultima curva, ma all’inizio dell’ultimo giro ho visto che dietro di me c’era Navarro, così ho spinto forte per provare a prendere qualche metro, pensando che probabilmente Jorge non sarebbe stato veloce come Binder. All’ultima staccata però Binder è riuscito a superarci entrambi rimanendo tutto all’esterno. Ho dato il massimo, rimanendo all’interno, ma ero già al limite con la moto che si muoveva molto e quindi non è stato possibile vincere. Peccato, siamo spesso in lotta per la vittoria ma per qualche motivo non ci siamo ancora riusciti: dovremo continuare a lavorare sodo e dovrò anche metterci molto del mio per riuscirci”.


Moto2

Hafizh Syahrin 14°

"E' stato un weekend da dimenticare. Ho lottato per tutto il weekend e la maggior parte del tempo a l'ho speso per sistemare la moto in ogni turno. Abbiamo provato una nuova configurazione durante la FP1, poi siamo tornati alla configurazione precedente nelle FP2 e abbiamo ripreso a lavorare sodo ripartendo da lì. La moto è migliorata ma non è stato sufficiente. Noi continueremo a lavorare sodo per il prossimo GP di Motegi in Giappone.


MotoGP

Stephan Bradl 10°

“Sono contento della top-10 e del weekend in generale. Siamo cresciuti durante le prove, spero di poter continuare questo trend nelle gare che ci aspettano. Abbiamo fatto un passo avanti in termini di ciclistica dalla gara di Misano, migliorando specialmente la fase di frenata e permettendomi di avere maggior feeling con la gomma anteriore. Qui siamo riusciti a perfezionarci ulteriormente, avendo trovato una buona base già da venerdì e andando poi a lavorare sui dettagli. Ovviamente si può ancora migliorare, nello sfruttamento dello pneumatico posteriore ad esempio, per essere più veloci con gomma nuova, ma non siamo lontani. Ora mi aspetto molto dal finale di stagione”.

  • logo1
  • logo2
  • logo3
  • logo4