• slider-img1

15/07/2012

Mugello MotoGp: Lorenzo THE BLACK MAMBA domina il GP d' Italia!

Prova sontuosa di Jorge Lorenzo nel circuito del Mugello che comanda la gara in modo perfetto fino dalle prime battute.
Dopo aver dominato ogni sessione delle prove libere e del warm-up, Lorenzo chiude però al secondo posto la sessione di qualificazione di sabato tradito dall'elettronica della sua Yamaha, cedendo la Pole a Pedrosa. Ma come raffigura la livrea del suo X-lite X-802, un serpente velenoso è sempre in agguato, non si fa abbattere dalla mancata preda ma aspetta il momento più giusto per dare il suo morso decisivo.
Allo start, partenza furibonda di Lorenzo che infila subito Pedrosa, andato lungo dopo le prime curve, e comincia la sua corsa in solitaria verso il gradino piu alto del podio.
Stoner, dopo essere partito in ottava posizione, si porta quinto, con Pedrosa e Dovizioso che si contendono la seconda posizione. Sfortunato Casey che a 13 giri dalla fine va lungo, uscendo di pista dopo un banale errore che lo costringe a inseguire il gruppo per cercare di recuperare posizioni importanti per la classifica.
Lorenzo, che nelle sessioni batteva il record di pista al Mugello 1’47.584, intanto gira indisturbato sotto l’1.47”; non c’è storia, non c’è  più gara per gli altri, Jorge taglia il traguardo su una ruota sola salutando il pubblico, a 5.2 sec di distacco da Pedrosa.
Il “Black Mamba ha dato il suo morso”, conquistando il suo 5° Gran Premio stagionale; secondo Pedrosa, terzo Dovizioso, uno Stoner abbastanza teso chiude in ottava posizione.
Classifica mondiale: 1° Lorenzo a 185 punti, 3° Stoner a 37 punti.  Prossima gara il 29 Luglio a Laguna Seca.

Ecco le dichiarazioni dei piloti nel dopogara (Bikeracing.it):

Jorge Lorenzo (X-lite X-802)

“Per tutto il week-end mi sono trovato benissimo con la mia Yamaha su questa pista. Al Sachsenring è stato quasi un incubo, mentre qui la mia M1 dalla prima sessione di prove libere ho trovato subito il passo: praticamente c’è mancata soltanto la pole per quel banale problema nelle qualifiche, ma per il resto siamo stati sempre davanti. Oggi mi aspettavo una gara impegnativa per il caldo e la gestione delle gomme, così è stato. Nei primi giri ho guadagnato 1″5 su Pedrosa, ma non potevo scappare: era determinante amministrare la situazione e non prendere rischi inutili in vista del finale. Io e Dani siamo scesi sotto l’1’47″, verso metà gara sono riuscito a guadagnare un buon margine e questo mi ha fatto respirare un pò. Senza dubbio per noi è una vittoria fantastica, la mia Yamaha non ha nulla da invidiare alla concorrenza: siamo stati veloci per tutto il week-end, adesso dobbiamo cercare di confermarci nei prossimi GP e domani nei test post-gara“.

Casey Stoner (Nolan X-802)

“Non è andata proprio come ci aspettavamo. Pensavo che avremmo potuto lottare per il podio e forse avere il passo per stare con Dani. Jorge ha guidato in modo fantastico durante tutto il fine settimana, senza commettere errori, ma un terzo posto poteva essere un risultato alla nostra portata oggi. Purtroppo, non siamo riusciti a far funzionare la moto come volevamo. I tentativi di migliorarla nel warm up non hanno dato i risultati sperati e non ero contento, non mi sentivo a mio agio. In gara ho commesso un errore, la moto si è scomposta in uscita della curva 11 e quando sono arrivato alla 12 non avevo freni, li ho stretti con tutta la forza e pensavo di riuscire a stare dentro la riga bianca, invece sono stato costretto ad andare nella ghiaia, perdendo molto tempo. Mi dispiace per la collisione con Alvaro, ho impostato il sorpasso alla curva 2, ma lui ha iniziato a venire verso la mia linea e non ho potuto fare niente per evitarlo. Questo fine settimana difficile si è concluso in modo deludente, speravo di portare a casa un podio, ma purtroppo non ci siamo riusciti“.

  • logo1
  • logo2
  • logo3
  • logo4