• slider-img1

10/09/2012

NURBURGRING SBK: giornata sfortunata.

Le premesse per fare bene c'erano tutte. Melandri che partiva in prima fila dalla terza posizione, Checa dalla seconda fila in sesta e Camier in settima. Purtroppo non è andata come speravamo, in gara 1 la sfortuna inizia con Fabrizio che cade al primo giro, Carlos lo imita dopo qualche tornata seguito da Marco, tradito dall'anteriore al sesto giro mentre è in terza posizione. Al traguardo registriamo il quinto posto di Camier il nono di Badovini e il dodicesimo di Checa rientrato in pista dopo la caduta.
In gara 2 la sfortuna continua; mentre è al comando, Marco perde ancora una volta l'anteriore e cade all'ottavo giro. Nulla da fare oggi. Bene invece il ritrovato Camier che giunge terzo, Checa sesto e Badovini nono.
In classifica generale Marco viene superato ed è secondo. Checa mantiene la quarta posizione.
Prossima gara a Portimao il 23/9.

MARCO MELANDRI Nolan X-802
"Dobbiamo dimenticarci in fretta questo fine settimana. Per la prima volta in carriera ho conseguito un doppio-zero: non mi era mai successo di non portare a termine due gare in una stessa giornata. Sono deluso con me stesso e, allo stesso tempo, dispiaciuto per la squadra che ha lavorato duramente per consentirmi di raggiungere dei buoni risultati anche qui al Nurburgring. In Gara 1 ho faticato parecchio a trovare grip al posteriore, perdevo troppo dagli altri piloti in percorrenza ed uscita dalle curve, così dovevo forzare più del solito in staccata: per questa ragione alla curva 8 ho esagerato, sono transitato sopra un avvallamento e ho perso l’anteriore.Nella seconda gara, sinceramente, non so cosa sia successo. Ero in testa, mi son trovato bene con la moto, poi ad un certo punto ero in pieno rettilineo e ho perso l’anteriore. Tutto molto strano, ma c’è poco da dire: adesso dobbiamo pensare a Portimao e lasciarci alle spalle questo week-end perchè questo mondiale voglio vincerlo…"

CARLOS CHECA X-lite X-802
"La caduta di gara 1 è una di quelle cose che succedono – abbiamo fatto quello che c’era da fare, spingere forte per stare con i primi. Un peccato perché ero partito molto bene e avevo un passo molto buono. Una volta rientrato in pista ho ripreso il ritmo ed ho potuto sorpassare parecchi piloti durante il corso della gara. Non è stato facile perché avevo perso la pedana nella caduta ma comunque penso di aver fatto una bella rimonta dall’ultima posizione, riuscendo a prendere qualche punto. La seconda è andata meglio per quanto riguarda il risultato, ma facciamo fatica a lottare con gli altri che scappano in accelerazione ed è un gioco sbilanciato in questo momento, secondo me. Dobbiamo continuare a lavorare al massimo con quello che abbiamo, portando il nostro pacchetto al limite, e vedere cosa viene fuori”.

  • logo1
  • logo2
  • logo3
  • logo4