28/05/2018

SUPERBIKE: LA CLASSICA DI DONINGTON È DOLCEAMARA PER I PILOTI NOLANGROUP!

Quello di Donington Park è forse il round con il più forte spirito Superbike dell'intero campionato Mondiale. Gli inglesi sono fans appassionati e, come sempre, si sono affollati numerosi a sostenere i loro beniamini. Per i piloti Nolan Group è stato un week end dolceamaro. Fatica per le Ducati di Davies, Melandri e Rinaldi, qualche difficoltà per Savadori e un infortunio non ancora risolto per Leon Camier. Sono andati tutti a punti ma non sono arrivati i podi e le vittorie attese. Week end positivo ma non eclatante per Caricasulo nella gara più difficile fino ad ora... troverà il modo di tornare al top. La vittoria per Nolan Group è comunque arrivata grazie a Reiterberger. Il tedesco su BMW è tornato a vincere ed è ora leader nel campionato Superstock 1000.

Ma veniamo ora al vostro campionato... come stanno andando le vostre performance di tutti i giorni? Avete già programmato le vacanze? Porterete con voi il vostro Nolan o X-Lite?

Troppe domande... chi va in moto non può parlare al telefono. A meno che non abbia il nostro N-Com... ma questa è un'altra storia. Teniamoci in contatto per Brno!


SUPERBIKE


LORENZO SAVADORI GARA1: 5°

"È stata una sessione di Superpole difficile per me, non ho trovato il grip extra con la nuova gomma ed è stato difficile spingere.  La mia partenza in Gara 1 è stata OK ma non eccezionale. Ho spinto forte e ho raggiunto i piloti più avanti, ma ho perso molto tempo all'inizio.

Abbiamo faticato a centro curva e in uscita e questo in gara mi ha veramente danneggiato. E' una cosa che mi ha reso difficile i sorpassi e quindi è un problema che dobbiamo risolvere."


CHAZ DAVIES GARA1: 8°

"Prima della gara ero abbastanza fiducioso nonostante la posizione in griglia non ottimale. Pensavo che potessimo giocarci il podio, ma purtroppo non è stato così e la gara è stata più difficile del previsto. Abbiamo faticato a trovare le sensazioni migliori, naturalmente la caduta di ieri non ha aiutato in questo senso perché ci ha tolto tempo prezioso in pista, ma mi aspettavo di fare passi avanti più significativi oggi. Non avevamo molto grip, quindi è stato necessario guidare più dolcemente per portare a casa il miglior risultato possibile. Le cose cambiano in fretta in questo sport, quindi spero che anche noi saremo in grado di invertire la rotta in vista di Gara 2".


LEON CAMIER GARA1: 10°

"Che giornata! È stata una gara davvero dura e negli ultimi giri sono riuscito a lottare con la stanchezza...chiudere con una top ten è più di quanto avrei potuto sperare oggi. 

La Fireblade funzionava davvero bene e avrei potuto mantenere un buon passo, in particolare nei primi due settori, ma in staccata e nelle curve a sinistra i miei infortuni hanno reso tutto molto difficile. L'obiettivo oggi era solo quello di finire la gara, ma essere al passo con le Ducati davanti a me e finire in decima posizione è stato incoraggiante quindi sono abbastanza contento. "


CHAZ DAVIES GARA2: 5°

"Oggi ha marcato sicuramente un passo avanti rispetto a Gara 1, anche se i nostri obiettivi sono più ambiziosi. Penso di aver fatto una buona gara tutto sommato. Quando hanno esposto le bandiere per segnalare gocce di pioggia ero deciso a tenere il gas spalancato, ma le condizioni non erano tali da impensierire quelli davanti a noi. Ho fatto il possibile per colmare il gap, e in parte ci sono riuscito, ma eravamo un po' in difficoltà qui. Ho dovuto chiedere molto alla gomma posteriore all'inizio, e non avrei potuto fare di più. Speriamo di sfruttare l'esperienza accumulata questo weekend e trarre lezioni importanti da mettere in pratica a Brno"


LORENZO SAVADORI GARA2: 7°

"Abbiamo provato qualcosa di diverso oggi che non ha funzionato perfettamente in gara. La prima parte della gara è stata abbastanza forte, ma quando il livello del carburante è diminuito ho faticato molto a spingere. Anche la gomma posteriore sembrava strana e ho avuto un feeling insolito in gara.

Sono abbastanza soddisfatto dei risultati a Donington, abbiamo lavorato tutti molto duramente insieme e la moto è andata bene. In generale abbiamo avuto un buon fine settimana e la quinta posizione di ieri è stato un ottimo risultato che meritavamo.

Non vedo l'ora che arrivi Brno dove l'Aprilia dovrebbe essere veloce. C'è ancora del lavoro da fare sulla moto per essere più veloce, ma tutti i ragazzi di SMR e Aprilia hanno lavorato molto duramente questo fine settimana e penso che possiamo fare bene la prossima volta."


LEON CAMIER GARA2: 8°

Sono davvero contento del risultato di oggi, non eravamo davvero sicuri che avrei potuto finire entrambe le gare e quindi finire nella top ten ieri e oggi è stato un grande bonus. 

Nella gara di oggi non ho attaccato troppo duramente sin dall'inizio, ho solo cercato di mantenere un certo passo e vedere su quali parti della pista avrei potuto spingere di più. Ho avuto una bella battaglia con Loris e Marco, cambiando posizione un paio di volte quindi, date le mie condizioni, è stato fantastico poter lottare. A parte i risultati, io e il team abbiamo lavorato duramente questo fine settimana sullo sviluppo delle nostre impostazioni elettroniche e abbiamo fatto molti progressi, quindi questo è un altro aspetto positivo da portare via questo fine settimana. Le cose stanno andando nella giusta direzione con la moto, quindi ora cercherò di riposare e continuare la mia ripresa prima di Brno."


SUPERSPORT


FEDERICO CARICASULO 6°

"Oggi è stato impossibile per noi fare di meglio, è stato difficile per me e Lucas perché non riuscivamo a eguagliare il ritmo delle altre Yamaha. Questa è la prima gara in cui abbiamo faticato così, sembra che gli altri siano migliorati e abbiamo bisogno di fare un altro passo o continuerà ad essere duro. Non vedo l'ora di Brno, sono stato veloce nel recente test che abbiamo fatto, ma abbiamo bisogno di trovare una soluzione ai problemi e ci concentreremo sul rimbalzare Brno."


SUPERSTOCK 1000 


MARKUS REITERBERGER 1°

"La pista di Donington è brutalmente estenuante, soprattutto per gli avambracci.Abbiamo lavorato duramente come  squadra per rendere la moto facile e concreta. Il che è stato la chiave del successo. I primi giri della gara sono stati difficili, quando Max Scheib era ostinatamente vicino a me, ma siamo stati in grado di mantenere il ritmo, senza ostacolarci. Alla fine sono persino riuscito a ottenere un po 'di velocità e a vincere la gara in sicurezza. Il team ha lavorato nella giusta direzione per tutto il weekend e possiamo essere davvero orgogliosi del risultato. Tutti hanno fatto un lavoro perfetto, sono ora leader del campionato con 10 punti di vantaggio, una specie di campione provvisorio. Questo è stato un passo importante dopo il round italiano a Imola, ed è anche la mia prima vittoria a Donington - dedicata a Waldi († Ralf Waldmann). Ha ottenuto una vittoria impressionante qui nel 2000 e so quanto questo significasse per lui. 

Penso che sia anche felice per noi, ovunque sia in questo momento."


  • logo1
  • logo2
  • logo3
  • logo4