• slider-img1

31/05/2011

USA SBK: Checa e X-802 re del Miller Motorsports.

Dopo l'inaspettata Pole Position di Domenica, Carlos Checa (X-lite X-802) conclude con una doppietta il difficile weekend americano. Una doppietta che da un lato restituisce il maltolto a quanto successo qui lo scorso anno (due ritiri per noie meccaniche mentre si apprestava a vincere le due manche) e dall'altro gli consente di conquistare punti importanti sugli avversari che qui non sono stati particolarmente incisivi. In gara 1 Carlos ci ha messo qualche giro a prendere il comando (per la precisione, 6) ma quando ci è riuscito non c'è stata storia. In gara 2, Checa, partito bene, forza subito il ritmo e, dopo aver preso un discreto vantaggio, controlla tutta la gara, andando a conquistare il sesto successo stagionale.
“Due vittorie fantastiche quelle di oggi, soprattutto dopo quello che ci e’ successo qui l’anno scorso. In gara 1, ho girato con prudenza nei primi giri considerando le condizioni un po’ miste della pista, ma dopo qualche giro ho trovato un buon feeling che mi ha permesso di spingere maggiormente. La moto si e’ comportata molto bene nonostante le condizioni alquanto strane. Sono riuscito a passare quelli davanti, anche se non era facile, e poi sono riuscito ad incrementare il mio vantaggio. Nell’ultima fase ho controllato il margine che avevo acquisito e ce l’ho fatta! E’ stato divertente perche’ dopo la bandiera a scacchi, mentre tornavo al parco chiuso, ho visto dei tifosi con una bandiera e sono andato a prenderla, solo che il fango mi ha fermato e sono caduto; e’ stata però la caduta più bella della mia vita! Il feeling che ho avuto con la moto nella seconda manche è stato ancora migliore e mi sono davvero divertito. E’ stato bellissimo, soprattutto per il mio team e per la Ducati. Ringrazio tutti, i miei ragazzi, la Ducati e gli sponsor. Quella odierna non e’ solo una vittoria doppia ma è anche una vittoria morale”.

Difficile invece la gara di Marco Melandri (Nolan X-802), per la prima volta alle prese con questo circuito, che, nonostante il terzo posto conquistato sulla griglia di partenza, non lo ha aiutato nel feeling con la moto. Marco da questo weekend porta a casa solo un 10° e un 6° posto che di certo non lo soddisfano.
“E’ stato un fine settimana difficile“, spiega Marco Melandri. “In Gara 1 sono partito bene, ma sono giunto al contatto con Haga e ho perso diverse posizioni. In più dopo pochi giri la sottocarena ha toccato un cordolo e questo ha provocato la fuoriuscita di un pò d’olio sulla leva del cambio, son dovuto stare attento perchè il piede scivolava cambiando marcia. Purtroppo verso metà gara ho avuto anche un problema con l’anteriore, si muoveva molto e non era facile tenere la moto nella giusta linea. Gara 2 è stata la peggiore di questa stagione. Per tutta la sua durata non sono stato in grado di fare nulla, sin dal primo giro ho avuto dei problemi in ingresso curva: ho cercato di fare del mio meglio per tenere un ritmo costante, ma era semplicemente impossibile. Di certo non con questo tipo di gare si vincono in campionati, ma dobbiamo guardare avanti“.
Bene invece il nostro Ayrton Badovini (X-lite X-802) che prosegue il suo apprendistato in questa categoria conquistando, grazie a una forte determinazione e una condotta di gara intelligente ed aggressiva un settimo e un nono posto."Sono contento, più di gara 2 che non gara 1. Mi sono messo alla prova anche fisicamente e devo dire che ho risposto bene. Sono soddisfatto del passo gara e posso dire che siamo cresciuti molto dall'inizio della stagione. I ragazzi del team sono stati formidabili per tutto il week end. L'unica cosa che ancora mi manca è la partenza e ora lavoreremo duramente su questo".
Il campionato vede ora al primo posto Carlos Checa con 195 punti, Marco Melandri secondo con 134 e Badovini dodicesimo con 51 punti.
Prossima gara il 12 Giugno a Misano.

  • logo1
  • logo2
  • logo3
  • logo4